La percezione delle cose

25.01.2022

Quanto siamo influenzabili? E quanto veniamo influenzati?

Qualche giorno fa ho condiviso un video (cliccate qui se ve lo siete perso), in cui in maniera molto chiara si evidenziava quanto possiamo essere influenzati dal pensiero di massa. 
Troppo spesso leggiamo notizie di cui non conosciamo davvero la fonte, oppure creiamo un tam-tam mediatico (di massa per l'appunto) divulgando un'informazione, senza accertarci se possa essere una fake news o un articolo obsoleto. Tutto questo lo facciamo perché abbiamo bisogno di dire la nostra opinione (di solito tramite gli altri per prendersi solo una parte di responsabilità), 

Intendiamoci, non sto dicendo che non si debba fare; anzi! 


E' fondamentale che ognuno abbia la possibilità di esprimere i propri pensieri, le proprie credenze e le motivazioni che spingono qualsiasi essere umano ad avere libertà di parola, sia che la riteniamo giusta o sbagliata.


 Con la gentilezza e la giusta educazione si può parlare di tutto e persino discutere, arrivando ad un cordiale dibattito tra persone intelligenti; perché l'intelligenza emotiva (e non) ci rende esseri speciali ed unici, in grado di provare, sentire e PERCEPIRE, sensazioni diverse

Ma trattandosi d'intelligenza, applichiamola laddove è necessario: informandoci se quella fonte giornalistica è veritiera; applicando le risorse necessarie per conoscere tutta la storia del perché un nostro amico si è comportato in una maniera di cui noi non ne siamo contenti. 

Viviamo in un periodo storico in cui la spaccatura sociale è sempre più ampia, a causa di tutto ciò che è accaduto post-pandemia, diventando più aggressivi verso gli altri, senza conoscerne la motivazione reale, ma solo seguendo correnti di credo (sia in un caso che nell'altro) dettate da informazioni che spesso sono ingigantite, rendendoci totalitari e sovranisti (anche in questo caso sia da una parte che dall'altra). 


Informiamoci, scegliamo e divulghiamo ciò di cui conosciamo, mantenendo la nostra percezione attiva, ma portando sempre con noi l'obiettività delle cose, altrimenti rischieremo di creare il fenomeno della cartellina rossa, come riportato nel video. 


La percezione, lasciamola alla Natura e in quello che realmente riusciamo a percepire a livello di sensazioni e benefici che Madre Terra ci dona. 

Perché di fatto, mentre termino questo articolo, involontariamente (o forse no), divulgando un video, ho creato anche io un fenomeno di massa, influenzando una corrente piuttosto che un'altra a seconda del vostro credo, senza aver lasciato intendere quale sia la fonte del mio pensiero.