Tick tick.... Boom!

19.01.2022

Quanto tempo occorre per raggiungere i nostri sogni?Perché ne abbiamo così bisogno? 

Ieri, mi sono imbattuto in questo film su Netflix con protagonista uno straordinario Andrew Garfield, nei panni di Jonathan Larson, compositore di musical degli anni '90. 
La sua (giovane) e breve vita è stata dedicata per riuscire a sfondare con un musical a Broadway, ottenendo una serie di rifiuti per oltre 10 anni, fino alla realizzazione di "Rent", successo di fama mondiale per anni; peccato che il compositore non abbia mai visto concludersi il suo sogno, in quanto all'età di 35 anni, il giorno prima del debutto, si spegne per una complicazione cardiaca fulminante.

Ora, osservando la vita di quest'uomo, mi sono domandato. 

Perché abbiamo bisogno di realizzare i nostri sogni? 
Ha senso rincorrere qualcosa che non è detto riusciremo a vedere realizzato?

Perché la vita è esattamente un conto alla rovescia, dove non siamo noi a decidere quanto durerà, sia che siamo giovani o meno giovani. 

Ma, in questo caso, abbiamo due alternative: deprimerci, aspettando e sapendo che prima o tardi finirà, oppure, utilizzare ogni cellula del nostro (vivo) corpo, per essere dannatamente felici. 

Perché per quanto ci sforziamo di pensare che la meta sia la felicità, in realtà quel senso di completezza nel fare le cose che ci appagano, nasce da quando iniziamo a sognarle, mettendo a terra i primi tasselli di un puzzle. 

Se ti chiedo di chiudere gli occhi e di pensare a un tuo progetto di vita, piccolo o grande che fosse, e di ripercorrere quella strada dall'inizio, quante emozioni hai provato sin dall'inizio? Quante persone hai incrociato durante quel cammino? E nonostante, la fatica, la voglia di buttar via tutto, sia che tu l'abbia realizzato o meno, sei stato parte di qualcosa che ha contribuito alla tua felicità. 

Perché non è mai la meta il traguardo, ma il viaggio che s'intraprende. 

Quindi, quando pensi che qualcosa non sia realizzabile, quando vuoi mollare tutto, pensa a quel sogno che ti rendeva così felice e fallo tuo, perché tra il fare e non fare, c'è sempre un momento in qui dobbiamo pensare che la vita, che ti piaccia o meno è davvero un TICK, TICK..... BOOM!

E tu, come ognuno di noi, puoi fare la differenza!